confartigianato

Sono già alcuni mesi che, come associazione di categoria, Confartigianato Cineaudiovisivo Puglia siede ai tavoli con le istituzioni regionali alla ricerca di proposte, soluzioni e modalità di azione che consentano alle imprese pugliesi che operano nel campo dell’audiovisivo, dello spettacolo e della valorizzazione dei beni culturali, di potersi sviluppare e crescere.

Ovviamente, con l’avvento dell’emergenza Coronavirus, l’obiettivo è diventato quello di consentire a tutte queste realtà di riuscire a oltrepassare il guado, di sopravvivere a questo periodo. In questi giorni abbiamo ricevuto numerose telefonate, messaggi di sostegno e richieste di dare ancora più voce alle opinioni di questo mondo, degli operatori e delle maestranze pugliesi che vogliono essere ascoltate, capite…che vogliono essere rappresentate.

Per questo, d’intesa con i nostri associati di questo comparto e con il gruppo dirigente, vorremmo provare a raccogliere gli stati d’animo, gli umori, le sensazioni e anche le paure di chi, dopo aver scelto la Puglia come luogo di vita ma soprattutto di lavoro, oggi si trova – forse ancor più dei colleghi di altre regioni – in forte difficoltà. Una difficoltà dettata dalla mancanza di sviluppo delle produzioni locali e dallo stop all’accesso delle produzioni nazionali e internazionali.

Tutti sappiamo che afflusso di capitali esterni, fondamentali per generare lavoro sul territorio, dipende anche dal corretto funzionamento dei bandi di sostegno alle produzioni: ecco perché, giorno dopo giorno, stiamo lavorando per ricercare una risposta rapida, certa e chiara da parte delle istituzioni sul futuro della nostra Regione.

A tal proposito, sentiamo la necessità di conoscere le idee, le sensazioni e anche le paure di tutti coloro che operano in questo comparto. I vostri contributi ci aiuteranno a mostrare il quadro completo di quello che, in questo campo, è uno dei comparti più numerosi d’Italia, da sempre unanimemente riconosciuto come un connubio di entusiasmo, creatività e grande professionalità.

Vi invitiamo a postare sulla pagina Facebook della CONFARTIGIANATO AUDIOVISIVI un vostro commento (max 300 battute) che sia consono nel linguaggio ma che allo stesso tempo rappresenti il vostro pensiero sull’attuale situazione. Sarà nostra premura assimilarlo e portarlo sui tavoli di discussione che nelle prossime settimane definiranno i bandi regionali dell’audiovisivo dei prossimi anni.
Insieme possiamo riuscirci.

(Confartigianato Cineaudiovisivo Puglia)

 

Coronavirus. Cineaudiovisivo, Confartigianato: Ripartire da arte, innovazione e tecnologie